Villaggio nuragico di Tiscali

03
maggio
2014
#Trekking

Dorgali, 3 maggio 2014

Dopo la colazione, alle 9 usciamo e vediamo che le jeep della Coop. Ghivine sono già fuori che ci aspettano: Angelo e​ Claudio saranno le nostre guide per la giornata. Veniamo “abbinati” ad un gruppo composto da un intera famiglia di zie nipoti e cognate…che fortuna!

Saliamo sulle jeep divisi in due gruppi, e partiamo alla volta del Monte Tiscali. Il percorso in jeep è insieme interessante, perchè Angelo è una guida preparata, stimolante e capace di rispondere in maniera completa ad ogni possibile domanda sul paesaggio o sul posto dove ci stiamo dirigendo. Non manca il divertimento, dopotutto se si va in montagna con la jeep..un po’ si viene sballottati!
Arriviamo dopo circa 30 minuti di macchina al punto estremo raggiungibile sulle 4 ruote; da qui in poi si sale a piedi. Il dislivello ancora da percorrere per arrivare in cima è di circa 600 metri, ma non mancano le pause durante le quali Angelo ci racconta la storia della Valle di Lanaitto, degli antichi fiumi che la percorrevano e delle zone selvagge che la costituiscono. Il nostro gruppo si rivela essere abbastanza preparato alla salita, procediamo lenti, ma costanti. Impariamo tanto sulla flora e sulla geologia tipica del posto, restiamo incantati e sorpresi dai ginepri contorti e antichissimi che riescono a crescere sulla nuda roccia, dalla conformazione della montagna, e dal paesaggio intorno a noi, talmente bello da essere quasi commovente.
A mezzogiorno, dopo una salita, qualche arrampicata e molte pause, arriviamo all’ingresso del Villaggio Nuragico di Tiscali: l’insediamento umano prende il nome dal monte in cui è stato ritrovato, e si trova all’interno di una dolina (grotta senza copertura) che lo rende completamente nascosto e inaccessibile se non si conosce la via esatta per arrivarvi. La nostra magnifica guida ci racconta la storia di questo insediamento, ci illustra le probabilità riguardo al fatto che sia mai stato abitato in maniera consecutiva e smentisce miti e leggende fasulli utilizzati per rendere più appetibile la pubblicità. Non le raccontiamo, perchè vogliamo che andiate al sito per sentirle con le vostre orecchie.
La visita prosegue e lentamente ci immergiamo in una vegetazione rigogliosa e quasi incantata, sembra di stare sul set di qualche film popolato da elfi e folletti. Personalmente, questa è stata la parte del sito che ho apprezzato di più: senza nulla togliere alla bellezza dell’archeologia, credo che la natura nelle sue infinite manifestazioni abbia sempre la meglio, il posto stesso dove ci troviamo è magico e talmente pieno di energia positiva che è impossibile restare indifferenti. Mi piacerebbe tornare con meno seguito, per godere da sola di tutta quella magnificenza.
Terminiamo la visita al sito con il pranzo preparatoci dalle guide e consumato nel sito stesso: sul tavolo ci sono salame e formaggio su taglieri di sughero, pane “moddizzosu” , formaggio spalmabile e vino, l’acqua è bandita nei pranzi del Supramonte.
Tra chiacchiere e aneddoti è arrivata l’ora di ritornare alla macchina, beviamo il caffè e ci rimettiamo in cammino.
​ Il sentiero che facciamo al ritorno è differente da quello seguito per arrivare: innanzitutto non si può parlare di un vero e proprio sentiero, perchè in realtà discendiamo dalla montagna ​aggrappandoci alle rocce e agli alberi intorno. Sicuramente è molto più divertente e coinvolgente del cammino fatto per arrivare!

Tra qualche scivolone e parecchie risate arriviamo alla jeep, e ripartiamo in direzione delle sorgenti di Su Gologone. Le guide ci offrono da bere, e dopo ci accompagnano a vedere le sorgenti, o meglio la sorgiva. Per le spiegazioni vi rimandiamo alla visita guidata con la cooperativa…noi ritorniamo al nostro adorato b&b Canales!

Mappa interattiva

Distanza totale: 58067 m
Altitudine massima: 473 m
Altitudine minima: 100 m
Totale salita: 1710 m
Totale discesa: -1711 m
Scarica

Photo Gallery

Villaggio nuragico di Tiscali

Nessun Commento

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>