APPIEDI – Lacrime

31
maggio
2015
#APPIEDI

APPIEDI, Mesagne-Latiano-Oria  20km

L. ha una faccia strana, sembra star male. Anche a me fa uno strano effetto star qui seduto ad ascoltare storie di persone meno fortunate di noi. Siamo alla Fondazione Beato Bartolo Longo di Latiano che ospita persone con disabilità psichica e non solo. La nostra visita per gli ospiti di questa comunità è una cosa nuova e bella, raccontiamo loro la nostra storia e il nostro progetto, ma allo stesso tempo ascoltiamo le loro storie, li rendiamo partecipi e facciamo loro compagnia per quanto ci è possibile.

“L. puoi venire un attimo?”. La chiamo in disparte senza dare nell’occhio: “…è successo qualcosa? Cos’hai?”. L’ambiente le fa ricordare sua nonna che per motivi di salute risiede in una comunità simile e non è riuscita a trattenere le lacrime. Per la prima volta dall’inizio del cammino non sapevo cosa fare: rimanere con lei o con il gruppo? Capisco che ha bisogno di aria e chiedo alle assistenti di aprire la porta, per fortuna si avvicina M. ed esce con lei a farle compagnia.

In arrivo a Latiano

Il percorso di oggi vede Latiano come tappa intermedia, tra Mesagne e Oria. All’arrivo veniamo accolti da Cosimo Galasso dell’ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica il quale ci guida nel centro storico, nei musei e nei monumenti principali di questa cittadina che mi ricorda la mia infanzia quando venivo ogni sei mesi a far rettificare il busto correttivo per la scogliosi. Alla Fondazione Bartolo Longo incontriamo i “ragazzi” di questa comunità e ci viene offerto il pranzo. Ripartiamo verso le 15.00 in direzione Oria.

La tratta Latiano-Oria è molto interessante, anche se non mancano nella zona rurale le solite discariche già incontrare nella tappa del giorno precedente. Abbiamo un buon ritmo, siamo più organizzati rispetto a ieri e, avendo fatto tappa intermedia a Latiano, abbiamo acqua sufficiente per arrivare a Oria.

20150531_160037_1

I componenti del gruppo hanno passo diverso e spesso ci fermiamo per ricompattarci. S. ha in mente una sosta ogni 4km, io invece cerco di tirare il più possibile. All’uscita di Latiano, presso il Santuario della Madonna di Contrino, V. e F. ci aspettano per una ripresa. Incontrarli è sempre un piacere, fanno parte del gruppo ma ci vediamo sempre poco. Loro hanno da fare anche le interviste agli amministratori e alle persone che ci ospitano e per questo motivo non riescono a seguirci sempre.

Subito dopo il Santuario attraversiamo una bellissima zona di campagna, la strada diventa sterrata e l’ambiente ci rende gradevole questi ultimi km di cammino. Prima di arrivare a Oria prevedo una sosta presso la Chiesa della Madonna di Gallana. Sosta obbligata. Le prime ore del pomeriggio sono sempre le più dure e il gruppo ha bisogno di riposare. L. e S. sono dietro di circa 500metri, li attendiamo alle porte di questa piccola chiesa dove ci riposiamo all’ombra.

Madonna Gallana - Oria

Oria, città Bandiera Arancione del Touring Club, è a solo a 3km da noi.

L’ultimo tratto del percorso costeggia la ferrovia e, arrivati alle porte del centro abitato, controllo la mappa per capire dov’è il punto di incontro con chi ci accoglierà.

Siamo in orario, stanchi, ma in orario. Ora ci attende la visita guidata nel centro storico, una bella cena e un meritato riposo.

 

Nessun Commento

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>